Successo di partecipazione per l’evento conclusivo del Progetto europeo “AGEment”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

CSEN -Italia

Dopo due anni di attività, il 25 marzo, si è svolto il seminario finale del progetto europeo “AGEment”, co-finanziato dal Programma Erasmus+, di cui il CSEN è partner. L’atto conclusivo si è svolto a distanza, con una lunga diretta social trasmessa sulle pagine Facebook di Csen Progetti e Csen Europe, e ha visto la partecipazione dei referenti del progetto e di tanti testimonial, raggiungendo oltre 2300 persone.

Il seminario è iniziato con i saluti di Andrea Bruni, Responsabile Nazionale Progetti CSEN, che, dopo aver portato il saluto del Presidente Nazionale Francesco Proietti, si è soffermato sull’ottimo lavoro svolto dallo staff durante l’arco di svolgimento del progetto.

A presentare l’innovativo metodo di lavoro utilizzato è stata Leonina Benigni, coordinatrice del progetto, che ha illustrato tutte le fasi messe in atto per raggiungere l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione anziana sull’importanza dell’invecchiamento attivo.

A seguire, sono state proiettate le video clip realizzate con alcuni dei protagonisti di AGEment, commentate in seguito da loro stessi. Nello specifico, sono intervenuti il maestro di danza Paolo De Angelis, il pittore di strada Mario D’Amico e il poeta Antonio Piroli, tutti e tre impegnati nella diffusione di valori culturali tra gli anziani.

Poi è stato il turno del Dott. Andrea Principi del Centro Ricerche Economico-Sociali per l’Invecchiamento, che ha illustrato i contenuti di un’interessante ricerca sull’argomento, che attualmente coinvolge migliaia di cittadini italiani.

Dopo i saluti e i ringraziamenti per l’importante lavoro svolto dal CSEN da parte del Segretario dell’ANAP Fabio Menicacci, è stato il turno di Debora Zamillo, referente operativa del progetto, che ha raccontato le diverse fasi del processo di attuazione, e illustrato i risultati ottenuti dalla compagine italiana e quelli delle altre tre nazioni aderenti al progetto, Spagna, Portogallo e Romania.

Leave a Reply

Torna su